lunedì 7 dicembre 2009

Nuovi arrivi al CircoloVizioso: Poluchina Zanzibarina del CircoloVizioso





Eccola a voi!
Si chiama Poluchina Zanzibarina del CircoloVizioso. Per gli amici POLUCHINA.
E’ una creatura meravigliosa, nata dalle mani e dalla mente di una persona fantastica, che ha usato i suoi poteri soprannaturali per donarci l’amichetta animaletta che mancava al CircoloVizioso.

POLUCHINA è una creatura in via di estinzione: lei dice che la vita va vissuta, serenamente, con la lentezza necessaria a rendersi conto di cosa ci gira intorno, con la consapevolezza che la vita è una sola e che è questa quella che va vissuta, senza rimandare, senza sorvolare sulle cose che meritano di essere vissute intensamente, gustandosi tutto il bene che esiste (perché davvero esiste, il bene!) e lasciando in giro parole e messaggi positivi appiccicati a strisciate di bava sbrilluccicante, in modo che qualcuno possa trovarli, leggerli e ringraziare con un pensiero i personaggi che li hanno lasciati lì.
POLUCHINA dice che bisogna ringraziare per il sorriso di uno sconosciuto (queste non sono parole di POLUCHINA, ma di qualcun altro che le ha dette e che a lei sono talmente piaciute da farle sue [e Grazie Tantissimo a chi le ha dette! ;-)]), per una ventata d’aria fresca, per il bacio caldo di bimba, per gli occhi grinzosi di un vecchio che incontriamo e ci ricambia lo sguardo, per i panni stesi in una giornata di sole...
POLUCHINA pensa che tutto questo sia Vita e che per questo sia bello Vivere, camminando lentamente e Guardando (non ‘Vedendo’) la strada dove camminiamo.

LA STORIA DI POLUCHINA
La prima volta che polepole ha visto POLUCHINA si trovava a Zanzibar, in viaggio di nozze. Tutto laggiù era così bello e dolce e vissuto con lentezza... e POLUCHINA si poteva vedere in ogni luogo:
Sul velo bianco del baldacchino del letto ci proteggeva dalle odiate zanzare (che in realtà non si sono mai viste...)
Sui cespugli fioriti fuori dalla camera (e infatti uno di quei fiori le è rimasto addosso, visto?) ci dava il benvenuto (Jambo! diceva lei, e noi rispondevamo... e ne nasceva una conversazione in swahili e parlavamo e parlavamo, malgrado fossimo lì solo da tre giorni... in effetti mi è rimasta la voglia di impararla più a fondo, questa lingua...)
Sotto il gazebo della colazione faceva capolino tra una mini-banana, un cocco fresco appena aperto (attenzione! il cocco fresco non è quello che ci spacciano tale d’estate, sulle spiagge affollate! Quello non c’entra niente con quello vero, tagliato dalla palma, spaccato col machete e mangiato sul posto... aaah! da quando ho sentito quella delizia non riesco più a guardare una noce di cocco con gli stessi occhi...) e una spremuta di bungo (è un frutto simile ad un’arancia ma con un sapore che ricorda anche il mango e l’ananas... mmm, solo a ricordarlo...)
Poi POLUCHINA ci accompagnava dai beach-boys, i ragazzi che sulla spiaggia ti offrivano una gita ricca di pericoli (perché senza l’assicurazione che forniva il villaggio: siamo stati azzardati? non lo so, era tutto talmente tranquillo, lì, ci sentivamo come a casa...) ma piena di vita vera, fatta di passeggiate nel centro della città - Stone Town, ndr: una città bellissima, fatta degli odori e della confusione dei suk arabi, delle luci al neon dei ristoranti di italiani che sono scappati in un’isola felice per vivere con un altro ritmo, una città fatta di mercati del pesce dove si vendevano aragoste vive a 1 euro al kg, di terrazze dei palazzi coloniali inglesi da cui si ammiravano tramonti sul mare spettacolari, con i dow che veleggiavano e l’orchestrina che suonava in sottofondo-, il tutto con tanto di scorta di ragazzini che (in maniera composta, sempre col sorriso sulle labbra e quei grandi occhi profondi) non ti chiedevano denaro ma penne e quaderni per andare a scuola.... con un pulmino scassato, cantando “Jambo bwana” tutti insieme, come fossimo bambini in gita (e l’autista si arrabbiava se sbirciavamo il foglio col testo scritto: al ritorno da una delle gite si è persino fermato nel bel mezzo della foresta e ce l’ha fatta cantare a tutti, uno per volta, a memoria... il papino l’ha letta tutta dopo averla fotografata col telefonino! :-))  che lui, nemmeno le poesie a scuola è mai riuscito ad imparare...!)
POLUCHINA un giorno ci accompagnò a visitare la casa dove è nato Freddy Mercury... (gli occhi di polepole hanno sfiorato pareti e vuoti visti anche da lui... sì, lo so, è solo uno fra i tanti famosi, ma è stata una sorpresa: non sapevo fosse nato a Zanzibar e non conoscevo la sua storia...)
La sera poi, POLUCHINA, accoccolandosi sul nostro tavolo durante la cena, ci raccontava di popoli che vivono con niente, costruendosi le scarpe con i copertoni delle auto (e che carine: andrebbero segnalati a chi si occupa di riciclaggio creativo!), pagando l’elettricità a seconda degli elettrodomestici che hanno in casa (cioè: se ho solo il frigorifero pago solo per quello), creando cappelli, cesti e collane da una foglia di banano intrecciata con una sapienza che sa d’antico (hakuna matata: non c’è problema, col tempo si fa tutto)...
Il giorno del nostro Arrivederci (perché a polepole non piacciono gli addii, preferisce sempre gli arrivederci...) alla meravigliosa isola di Zanzibar, POLUCHINA era in prima fila, col fazzoletto bianco in mano e una lacrimuccia da asciugare. Ci dette un bacio sbavucchioso ed un abbraccio lento lento e...
... e da quel giorno polepole non l’aveva più vista (ma tanto pensata e coccolata e accarezzata col pensiero...), finché non è arrivata la splendida Tatti, che con la sua abilità e le sue arti magiche, l’ha materializzata qui da noi!

Da oggi in poi POLUCHINA sarà la fedele custode del CircoloVizioso, quella che aprirà presto la mattina e chiuderà il portone tardi la sera, quella che terrà in ordine le stanze (ma non troppo, per carità: polepole, nel suo disordine, si ritrova!) e spolvererà gli angoli meno frequentati, rinfrescandoli, cambiando l’aria e disponendo un bel vaso di fiori freschi (come quello giallo, che la accompagna sempre); sarà la custode dei nostri Grazie e della Voglia di Creare, ci ricorderà che ci sono momenti in cui è bene avere il Vizio di Riflettere e giornate in cui si può oziare e gozzovigliare, cucinando e mangiando in compagnia; starà all’ingresso, accogliendo i visitatori nuovi, mostrandogli le stanze del CircoloVizioso, e ciacolando con i vecchi amici, chiedendo notizie delle loro piccole meraviglie.
POLUCHINA organizzerà per noi giochi, frizzi e lazzi, e ci accompagnerà nella biblioteca (grande circa quanto quella di Alessandria, per intenderci... perché a noi piace tutto e affascina tutto...!), per non perdere il Vizio di Leggere, consolerà chi ne ha bisogno, dandogli uno dei nostri antidolorificimagnifici...
... insomma, POLUCHINA sarà una specie di Tutor per tutti noi, polepole inclusa, perché anche nel CircoloVizioso, regno di tutti i vizi del mondo (quelli belli e puri, certo, ma sempre vizi sono, no?!), si è sentita la necessità di qualcuno che ‘tenesse il conto’, di una guida, di un punto di riferimento ‘saggio’ e un po’ più presente di polepole, che presto forse sarà chiamata ad una vita molto più intensa (e speriamo che sia solo un periodo...): sarà un nuovo anno pieno zeppo di cambiamenti, il 2010, e ci dobbiamo preparare per tempo, qui al CircoloVizioso!

[n.d.r.: questo post è diventato realtà Grazie alla mia cara Amica Tatti, che ha dato vita ad un mio piccolo sogno... quello che dico a lei non è un semplice Grazie con la G maiuscola: Tatti è una persona speciale, ho già parlato di lei più di una volta e non mi stancherò mai di dire che a lei, come ad altre di cui ho già parlato e parlerò, devo tanto di quello che ho imparato e che sono diventata nell’ultimo anno]

polepole spera di tornare presto al CircoloVizioso, con nuovi vizi e belle storie da raccontare, con foto e ricettine da metter via, con idee e spunti per le feste che verranno, con tante sorprese da farvi vedere...!


Da parte di POLUCHINA un sincero Grazie a tutti voi che passate di qui, a chi vorrà dire la sua e lasciare un commento o un saluto, e un ringraziamento speciale (e un baciuzzo sbavucchioso...!) a chi le ha dato modo e maniera di trovarsi qui con noi!

17 commenti:

  1. complimenti polepole per questo post,
    e soprattutto ben venuta POLUCHINA!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. bellissimo questo circolo, bello il circolo vizioso...bello tutto. un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Benvenuta Poluchina, la tua storia è davvero entusiasmante e carica di ricordi!
    E a Polepole dico grazie di avermi fatto visita e di avermi messo fra i blog scoperti!
    Buona Vita!

    RispondiElimina
  4. Io non so che dire, ogni giorno il tuo blog è una carica di energia, un vento vitale che ti spinge al largo. Le lumache di Zanzibar ti restano nel cuore, bigs75 ha due maglie con le fotografie delle lumache e le sfrutta talmente tanto che sono diventate di casa. Grazie per avermi ragalato il "tuo" Zanzibar, i tuoi occhi mi hanno fatto vedere un'altra realtà. Baci

    RispondiElimina
  5. Evviva Poluchina che ci accompagnera' in tanti posti golosi e ci fara' fare tante cose belle !!!!!

    RispondiElimina
  6. Grazie a Te Dolcezza, per tutte le cose belle che "ci metti sotto gli occhi" e che a volte, pur avendole a pochi centimetri, non vediamo....
    Mai stata più felice di viziarmi, qui, nel tuo circolo...
    Un abbraccio
    Tatti

    RispondiElimina
  7. te l'ho già detto...le tue parole sono poesia...e Tatti è troppo brava.
    ele

    RispondiElimina
  8. Ciao Polepole.... stamattina è arrivato il tuo swap.... non ho parole è a dir poco MERAVIGLIOSO!!

    Grazie mille!!!

    Cinzia

    RispondiElimina
  9. Ciao Polepole,che bello il tuo racconto..mi ha fatto sogare i posti stupendi che hai visitato e le squisitezze di quei luoghi. Do anch'io il benvenuto a Poluchina. Kiss,Anto

    RispondiElimina
  10. Sono davvero felice che il mio pensierino per lo swap di mammafelice ti sia piaciuto!!! Il tuo blog è molto bello verrò spesso a trovarti!!!!

    RispondiElimina
  11. cara Poluchina, sei, come tutte le creature di Madre Natura, un essere saggio e lungimirante, abbiamo molto da imparare dal tuo modo di vivere la vita, quindi grazie di aver messo a disposizione la tua saggezza e un bacio bavosetto bavosetto!

    RispondiElimina
  12. L'unico circolo che frequento e di cui vado fiera ora anche grazie alla presenza di Poluchina ;)

    Buone feste carissima a te e a tutta la family!

    bacioni
    Sonia

    RispondiElimina
  13. ciao bella
    volevo augurarti un felice e sereno natale
    baci alla p.m.
    antonella e letizia

    RispondiElimina
  14. tanti tanti tanti cari auguri di buone feste!!

    bacioni eli

    RispondiElimina
  15. ciao cara,volevo augurarti un Sereno e Felice Natale, perchè da domani sarò indaffarata con giochi, pranzi e cena con tutti i familiari e non avrò molto tempo.Baci,Anto

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...